Personal Chef is an attitude. Le 6 FAQ per aiutarti a scegliere il tuo futuro

Oggi ti posso dire che intraprendere più di 10 anni fa questo lavoro è stata la scelta giusta per me.  Oggi mi trovo tra le mani un’attitudine che rende il mio lavoro complesso, vario e mai uguale a se stesso.

“Personal chef is an attitude perchè  per me è un modo di ragionare, di pormi e di costruire la mia sfera lavorativa e di vita.”

Questo sono io. Se sei qui è perché stai cercando di capire se oggi questo percorso potrebbe essere utile per te.

Ecco le 6 domande più frequenti che mi pone chi vuole iscriversi a questo corso.

LE 6 FAQ

 

1. Devo sapere cucinare?

Sì, e bene. Il cuore del tuo servizio è il cibo. Non puoi affrontare questo corso senza una solida base professionale data da un corso di avviamento alla professione o da una seria formazione sul campo. Io avevo alle spalle 10 anni nella ristorazione.Ph. Raffaella Midiri Photographer

2. Cosa Insegna questo corso?

Insegna a ragionare. Il corso è strutturato per fornirti gli strumenti per affrontare scenari diversi, ad imparare a porti le domande giuste.

Stai scegliendo un percorso da libero professionista, ma se dopo questo corso ti troverai a lavorare come dipendente, sono certo avrai acquisito un grado di competenze utili a relazionarti in maniera positiva e costruire un percorso professionale consapevole.

Siamo chiari, questo è un mestiere che ti dovrai costruire giorno per giorno. Ragionando sulle tue competenze, i contatti che potrai e saprai sviluppare. Analizzando possibilità e nicchie di mercato.

Ph. Raffaella Midiri Photographer3. Come si svolge?

Il corso ti metterà in contatto con diversi professionisti e docenti.

L’obiettivo è farti capire come questa professione possa essere sfruttata in contesti diversi.

Ti farò mettere in gioco. Ti sarà chiesto tanto, ti farò lavorare sui tuoi limiti e capire le tue qualità.

4. Il personal chef fa solo cene e pranzi a domicilio?

Il personal chef è un cuoco che organizza eventi a domicilio, per un numero limitato di persone.

Non sei un catering!

Il personal chef può spendere le sue competenze in altro? Sì

Dopo questo corso avrai una visione più ampia di questa professione, se riuscirai a farne una attitudine. Questo è mestiere si evolve insieme ai bisogni che il mercato evidenzia, e li intercetta. Questa è una certezza che ti posso dare, perché così è stato per me.

Ph. Angelo Giglio5. Posso lavorare quando voglio?

Questa è un’altra domanda che mi viene fatta spesso.

La vera domanda è: quanto vuoi e come vuoi lavorare?

Se stai scegliendo questa strada perché hai una visione “romantica” di questa professione, non posso aiutarti.
Domandati come vuoi strutturare la tua vita lavorativa, e quali obiettivi hai in termini di guadagno.

Metti in conto che come ogni attività da libero professionista, anche questa richiede una gestione importante del tuo lavoro e del tuo tempo. Nessuno ti dirà cosa fare oggi e cosa domani.

Warning!

Non troverai qui risposte a domande come: Come trovo i miei contatti? Come inizio questo mestiere? Chi mi farà lavorare?

6. Quanto mi devo far pagare?

Questa è la domanda delle domande. Tu quanto pensi di valere?

Il corso Personal Chef viene programmato semestralmente presso A tavola con lo chef.

Se sei interessato contattami, senza problemi.

Ph: Fulvia Bernacca, Angelo Giglio, Raffaella Midiri Photographer.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ho letto la privacy policy e accetto il trattamento dei dati personali in ottemperanza al DL 196/2003. La spunta in questo campo è necessaria per commentare il post.